Home   > Informazioni > Notizie e comunicazioni
23 novembre 2021

25 novembre 2021 Mostra-evento: Come un fiore di loto. Per crescere uomini e donne resilienti

25 novembre 2021  Mostra-evento: Come un fiore di loto. Per crescere uomini e donne resilienti

Il 25 novembre 2021 alle ore 17.00, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne,  sarà inaugurata la mostra-evento organizzata dall’I.C. PIETRASANTA 2 - Plesso scuola dell’infanzia F.lli Grimm presso il chiostro del Sant’Agostino a Pietrasanta, dal titolo “COME UN FIORE DI LOTO-Per crescere uomini e donne resilienti”.

La mostra, patrocinata dal Comune di Pietrasanta- Assessorato all’Istruzione, che ha concesso i locali, raccoglie riflessioni e materiale delle scuole di ogni ordine grado dell’IC Pietrasanta 2 a seguito di un percorso di ricerca–azione, nella continuità del processo attivato nella collaborazione di più ordini di scuola, compresi I.S.S. Chini-Michelangelo e Don Lazzeri- Stagi, e ha lo scopo di affrontare il tema dei pregiudizi e degli stereotipi di genere ancora presenti nella società. La mostra resterà aperta fino al 28 novembre.

Il fiore di loto è l’immagine scelta, insieme alla bambina con il palloncino rosso (un messaggio sociale da parte dell’artista in contrasto con ogni forma di violenza nel mondo, rappresentativo dell’innocenza, l’amore, la speranza), perché è un fiore bellissimo, capace di nascere e crescere in condizioni estreme.  Rappresenta la capacità di trasformazione di ogni persona (maschio o femmina) e la resilienza: la sua magnificenza ci ricorda che possiamo tutti sbocciare e splendere, cominciando da dove siamo ora, qui, adesso. Essere un fiore di loto significa convertire l’avversità in meraviglia, perseverare nel proprio obiettivo, “sorridere danzando nel fango”, con i piedi che perdono presa e allora si fanno più forti e abili per non scivolare. Significa cambiare la situazione senza opporsi a ciò che ci è capitato: modificare il solco di un destino che sembra segnato, mutando la difficoltà in occasione. La mostra vuole essere uno stimolo nella cittadinanza scolastica e non solo  alla prevenzione universale: lavorare precocemente sui meccanismi di costruzione identitaria e sui processi di formazione degli stereotipi e delle discriminazioni a scuola significa operare a livello culturale per destrutturare tali  stereotipi che ancora caratterizzano la relazione tra pari, e favorire lo sviluppo di una cultura delle pari opportunità, improntata alla condivisione dei ruoli nella famiglia, nella società, nell’ambito lavorativo, in un’ottica di prevenzione e di contrasto al fenomeno della discriminazione e della violenza sulle donne.

“Da diversi anni – sottolinea la dirigente scolastica prof.ssa Carmen Menchini - la scuola dell’Infanzia Fratelli Grimm, è un motore creativo importante per il nostro Istituto che stimola le riflessioni e il lavoro di tutte le docenti sul tema dell’identità di genere e dell’importanza di una consapevolezza precoce dell’esistenza di stereotipi, prima evidenza delle discriminazioni esistenti nella nostra società. Ne sono un esempio lampante le diverse attitudini che registriamo quotidianamente nei confronti di chi svolge un incarico, a seconda che sia un uomo o una donna e la persistente difficoltà ad accettare di declinare al femminile mestieri di alto profilo. Lavorare fin dall’infanzia su questi temi è perciò fondamentale unitamente ad un esercizio continuo e costante, e per dirla nello spirito della mostra “resiliente”, di un modo di agire diverso che presti attenzione al linguaggio e alle sue inferenze. Voglio perciò ringraziare le responsabili del progetto Chiara Castiglioni e Valentina Benassi insieme a tutte le docenti che hanno contribuito a questa bellissima mostra-evento, resa possibile dall’estro e dalla fantasia dei nostri alunni e delle nostre alunne.”

Categorie: Notizie e comunicazioni, Notizie e comunicazioni alunni e famiglie, Notizie e comunicazioni docenti, Notizie e comunicazioni ATA, Attività e Progetti, Scuola Infanzia, INVIO EMAIL AUTOMATICO, e-mail infanzia, e-mail primaria, e-mail secondaria